Logo

RIGHTS ON THE MOVIE – III edizione

by / Commenti disabilitati su RIGHTS ON THE MOVIE – III edizione / 2 View / 26 ottobre 2018

AGISCUOLA, per conto del Consiglio regionale del Piemonte e del Comitato regionale per i Diritti umani, promuove a ottobre, novembre e dicembre undici proiezioni gratuite rivolte agli studenti degli Istituti delle Scuole Secondarie di I e II grado, incentrate sul tema del diritto alla Salute.

Il Comitato regionale per i Diritti Umani ha infatti dedicato le attività, per l’anno in corso, proprio al tema del diritto alla Salute e la terza edizione di Rights on the movie si inserisce nel corollario di attività programmate dal Comitato. Il tema sarà affrontato attraverso una serie di film che raccontano le storie di uomini, donne e bambini, poiché la salute è una condizione che riguarda tutti, in ogni situazione dell’esistenza. Storie che raccontano la malattia, fisica o psicologica, spesso cronica e incurabile, la disabilità, ma soprattutto storie di persone che vogliono vivere e non semplicemente sopravvivere. La malattia non può essere il pretesto per un abbandono “sociale”, ognuno di noi non ha solo il diritto alle cure, ma anche il diritto a vivere una vita piena e degna.

PROGRAMMA
29 ottobre | DALLAS BUYER CLUB | Cinema Monterosa (Via Brandizzo 65, Torino)
12 novembre | LA TEORIA DEL TUTTO | Cinema Massaua (Piazza Massaua 9, Torino)
3 dicembre | WONDER | Cinema Reposi (Via XX Settembre 15, Torino), Cinema Ariston (Piazza Matteotti 16, Acqui Terme TO), Cinema Lumiere (Corso Dante Alighieri 188, Asti), Cinema Verdi (Via Senatore M.Pozzo 2, Candelo BI), Cinema Vittoria (Via Cavour 20, Bra CN), Cinema Nuovo Multisala (Via IV Novembre 25, Borgomanero NO), Cinema Sociale (Via Giosuè Carducci 2, Omegna VB), Cinema Sottoriva (Via Don Bosco 3/5, Varallo VC)
10 dicembre | ELLA & JOHN | Cinema Massaua (Piazza Massaua 9, Torino)

SINOSSI FILMOGRAFICHE

DALLAS BUYER CLUB di Jean-Marc Vallée
Ron Woodroof vive come se non ci fosse un domani, non credendo alla medicina ma professando solo la religione della droga e dell’alcol. La scoperta di non avere realmente un domani a causa della contrazione del virus HIV apre un calvario di medicinali poco testati e molto inefficaci, fino all’estrema soluzione di sconfinare in Messico alla ricerca di cure alternative. Lì verrà a conoscenza dell’esistenza di farmaci e cure più efficaci, ma non approvate negli Stati Uniti, che deciderà di cominciare ad importare e vendere a tutti coloro i quali ne abbiano bisogno, iniziando un braccio di ferro legale con il proprio paese.

LA TEORIA DEL TUTTO di James Marsh
Università di Cambridge, 1963. Stephen è un promettente laureando in Fisica appassionato di cosmologia, “la religione per atei intelligenti”. Jane studia Lettere con specializzazione in Francese e Spagnolo. Si incontrano ad una festa scolastica ed è colpo di fulmine, nonché l’inizio di una storia d’amore destinata a durare nel tempo, ma anche a cambiare col tempo. Del resto il tempo è l’argomento preferito di Stephen, che di cognome fa Hawking, e lascerà il segno nella storia della scienza. In particolare, l’uomo persegue l’obiettivo scientifico di spiegare il mondo, arrivando ad elaborare la formula matematica che dia un senso complessivo a tutte le forze dell’universo: quella “teoria del tutto” che dà il titolo al film. La teoria del tutto però non si concentra sull’aspetto accademico o intellettuale della vita di Hawking ma privilegia l’aspetto personale e l’evoluzione parallela di due forze dell’universo: l’amore per la moglie e i figli, e la malattia, quel disturbo neurologico che porterà al graduale decadimento dei muscoli dello scienziato e lo confinerà su una sedia a rotelle. La contrapposizione di vettori riguarda anche le convinzioni ideologiche di Stephen e Jane: lui crede solo alle verità dimostrabili, lei nutre una profonda fede in Dio.

WONDER di Stephen Chbosky
Auggie Pullman ha dieci anni, gioca alla playstation e adora Halloween. Perché è l’unico giorno dell’anno in cui si sente normale. Affetto dalla nascita da una grave anomalia cranio-facciale, Auggie ha subito ventisette interventi e nasconde il suo segreto sotto un casco da cosmonauta. Educato dalla madre e protetto dalla sua famiglia, Auggie non è mai andato a scuola per evitare un confronto troppo doloroso con gli altri. Ma è tempo per lui di affrontare il mondo e gli sguardi sconcertati o sorpresi di allievi e professori. Gli inizi non sono facili, inutile mentirsi e Auggie fa i conti con la cattiveria dei compagni. Arrabbiato e infelice, il ragazzino fatica a integrarsi fino a quando un’amicizia si profila all’orizzonte. Un amore altro rispetto a quello materno. Tra bulli odiosi e amici veri, Auggie trova il suo posto e si merita un’ovazione

QUANTO BASTA di Francesco Falaschi
Arturo è un cuoco stellato caduto in disgrazia a causa del suo temperamento collerico, che gli ha fruttato un arresto per percosse e lesioni aggravate. La pena alternativa che gli è stata comminata è quella di insegnare a cucinare ad un gruppetto di ragazzi autistici affidati ai servizi sociali e supervisionati dalla bella psicologa Anna. Nel gruppetto spicca Guido, un ragazzo affetto da sindrome di Asperger, che ha un talento innato per l’alta cucina. Guido chiederà ad Arturo di fargli da tutor per un concorso culinario: uno di quelli che lo chef odia e che hanno partorito fenomeni mediatici come il suo acerrimo rivale, il simil-Cracco Daniel Marinari. Riusciranno Arturo e Guido ad aiutarsi a vicenda a superare i rispettivi limiti comportamentali?